SpoTTe

blogBrand-news.itLa Commissione Europea prevede una crescita più lenta, nel 2024 +0.9% nell’UE, +0,7% per l’Italia
, La Commissione Europea prevede una crescita più lenta, nel 2024 +0.9% nell’UE, +0,7% per l’Italia

La Commissione Europea prevede una crescita più lenta, nel 2024 +0.9% nell’UE, +0,7% per l’Italia


La crescita dell’inflazione rallenta e in Italia nel 2024 scenderà dal 6,1% del 2023 al 2,7%

, La Commissione Europea prevede una crescita più lenta, nel 2024 +0.9% nell’UE, +0,7% per l’Italia
Paolo Gentiloni (courtesy: European Commission)

La Commissione ha pubblicato le previsioni intermedie d’inverno che indicano un ribasso della crescita nel 2024, rispetto alle stime del forecast autunnale: +0,9% (rispetto all’1,3%) nell’UE e +0,8% (rispetto all’1,2%) nella zona euro. Per il 2025 si prevede un aumento dell’attività economica dell’1,7% nell’UE e dell’1,5% nella zona euro. Anche per l’Italia è prevista una crescita lievemente sotto questi livelli: +0,7% (invece che +0,9%) e per il 2025 una ripresa a +1,2%.

L’inflazione diminuirà più rapidamente rispetto a quanto indicato nelle previsioni d’autunno. Nell’UE si prevede un calo dell’inflazione IAPC (indice armonizzato dei prezzi al consumo), che passerà dal 6,3% del 2023 al 3,0% nel 2024 e al 2,5% nel 2025. Nella zona euro l’inflazione passerà dal 5,4% del 2023 al 2,7% nel 2024 e al 2,2% nel 2025.  Per l’Italia è previsto un calo dal 6,1% del 2023 a un 2,7% nel 2024 e un 2,3% nel 2025.

, La Commissione Europea prevede una crescita più lenta, nel 2024 +0.9% nell’UE, +0,7% per l’Italia

Nel 2023 il rallentamento è stato causato dall’erosione del potere di acquisto delle famiglie, da una forte stretta monetaria, dal ritiro parziale del sostegno di bilancio e dalla riduzione della domanda esterna. Le prospettive restano deboli, nonostante sia stata evitata una recessione tecnica. Il calo dell’inflazione, più rapido del previsto, insieme alla crescita reale dei salari e alla resilienza del mercato del lavoro dovrebbero favorire la ripresa nel corso dell’anno. Il ritmo della crescita è previsto stabile a partire dalla seconda metà del 2024 e fino al termine del 2025.

Tra i fattori che potrebbero influenzare il rialzo dei prezzi, ci sono l’eliminazione delle misure di sostegno energetico negli Stati membri e l’aumento dei costi di trasporto a seguito delle turbolenze nel Mar Rosso, senza tuttavia compromettere il percorso di riduzione dell’inflazione.

“Nel 2024 la ripresa sarà, secondo le stime, più debole di quanto previsto tre mesi fa; essa riprenderà tuttavia gradualmente slancio in un contesto di frenata dell’aumento dei prezzi, di crescita dei salari reali e di un mercato del lavoro che ha evidenziato una notevole solidità. Gli investimenti si manterranno a un buon livello grazie all’allentamento delle condizioni di credito e ai flussi di finanziamento del dispositivo per la ripresa e la resilienza. Per il 2025 si prevede un consolidamento della crescita e una riduzione dell’inflazione, che si avvicinerà all’obiettivo del 2% fissato dalla BCE. L’incertezza che circonda queste previsioni è accentuata da diversi di fattori, quali le tensioni geopolitiche, una situazione climatica sempre più instabile e una serie di elezioni di importanza cruciale che si terranno nel mondo durante l’anno in corso” ha commentato Paolo Gentiloni, commissario per l’Economia.

CONSULTA IL REPORT



Source link

logo 2024 250

SpoTTe®
di Luca Sacchettino

2009-2023 © Tutti i diritti riservati
Web & Desig by SpoTTe
SpoTTe® è un marchio registrato